Archive for the ‘Uncategorized’ Category

h1

Impressioni da vicino e da lontano

maggio 7, 2009

Ogni giorno che passa mi accorgo di quanto non sopporto più questo paese e di quanto vorrei realmente andarmene. A conferma di questo c’è stato anche il viaggio negli USA, che mi ha insegnato qualcosa. Mi ha fatto capire che c’è anche la possibilità di vivere una vita più tranquilla, più comoda e soprattutto di avere un giusto compenso per un mestiere come quello del ricercatore. Qui in Italia ovviamente vanno avanti solo i parassiti della società, solo i più furbi e  invece chi realmente se lo merita viene penalizzato per essere troppo giovane. Insomma, nel laboratorio dove svolgo la tesi è assunto anche un tecnico di laboratorio. E sapete questo che fa? Beh, tutto il giorno sta su internet preferibilmente su facebook, a guardare e commentare le foto dei suoi amici e quando gli chiedo un favore sembra che gli faccio chissà che grande torto. E allora io non ci sto ad andare a lavorare in un laboratorio dove certi si grattano dalla mattina alla sera, mentre tu lavori come un mulo, per di più gratuitamente e per di più svolgendo compiti che non ti appartengono, insomma stiamo parlando sempre della solita ingiustizia. Ma ormai non mi arrabbio quasi più, tanto in quel posto non ci rimango.   

 

IMG_1253img_1249

 

Ps: per tirare su di morale questo post, eccovi qua qualche bella casa americana (foto mie), la seconda mi sembra la casa di Barbie. Tutte con il prato rigorosamente curato!

h1

Effetti della crisi

aprile 2, 2009

pic-024Ci sono persone che di questa grande crisi economica neanche se ne accorgono, continuano ad avere un lavoro, ad essere pagati come prima…usufruiscono felici dei prezzi che si abbassano…quasi quasi verrebbe da dire che va più che bene. Illusioni. Un pomeriggio di questi tornando dal laboratorio prendo come al solito il giornale gratuito distribuito alla metro: 24 minuti. Un giornale utile per quelli, che come me rientrano a casa tardi, questo giornale infatti esce di pomeriggio. E’ stata una buona idea farlo uscire a quell’ora, apprezzata e si pensava anche redditizia. Invece, con amara delusione scopro che l’altro ieri era l’ultima volta che l’avrei letto, il direttore ha provato a spiegarci che in questi tempi duri non ce la fanno a portare avanti un giornale gratuito e con dispiacere doveva chiuderlo. E allora ho capito….ho capito, che tutta la gente che ci lavorava dietro da tempo, molto probabilmente perdeva il lavoro, i giornalisti, gli stessi ragazzi che lo distribuivano…insomma ecco l’effetto della crisi…ecco il tramonto!